GDPR Privacy

Accetta Per saperne di piu'

Approvo

Cosa sono i Cookie

I cookies sono brevi file di testo che possono essere salvati sul computer dell'utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su Internet, per esempio smartphone o tablet) quando esso visita i siti web.

Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene e la "durata vitale" del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell'utente).

La presente Cookie Policy ha lo scopo specifico di illustrare i tipi, le modalità di utilizzo di cookie presenti su questo sito web.

Tipi di Cookie utilizzati all’interno del sito web

  1. Cookie tecnici

1 - a) Cookie di Navigazione per il funzionamento del sito web

Il presente sito utilizza cookies di sessione al fine di offrire un servizio più efficiente. L'uso di tali cookies è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione (costituiti da numeri casuali generati dal server) necessari per consentire di fornire i servizi e le funzioni dei Siti Web in modo completo.

1 - b) Cookie Google Analytics

Raccolgono e analizzano in forma anonima e/o aggregata le informazioni sull'uso del sito da parte dei visitatori (pagine visitate, ...) per fornire all'utente una migliore esperienza di navigazione.

Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare in qualche modo l'utente.

  1. Cookie di profilazione Google Analytics

Il presente sito ha implementato anche i rapporti sui dati demografici e gli interessi di Google Analytics.

È possibile negare il consenso all'uso dei cookie Google Analytics per la pubblicità display e/o personalizzare gli annunci della Rete Display di Google nei seguenti modi:

Con l'utilizzo di questo sito, lei dichiara il suo consenso al trattamento dei dati da parte di Google Ireland e www.for-adventure.it per le modalità e i fini sopraindicati.

Per ulteriori approfondimenti sulla privacy di Google rimandiamo a questo link: https://support.google.com/analytics/answer/6004245?hl=it

Come disabilitare i cookies

La maggioranza dei browser Internet sono inizialmente impostati per accettare i cookies in modo automatico. L'utente può modificare queste impostazioni per bloccare i cookies o per avvertire che dei cookies vengono mandati al dispositivo dell'utente medesimo.

Esistono vari modi per gestire i cookies.

L'utente può fare riferimento al manuale d'istruzioni o alla schermata di aiuto del suo browser per scoprire come regolare o modificare le impostazioni del suo browser.

In caso di dispositivi diversi (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), l'utente dovrà assicurarsi che ciascun browser su ciascun dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookies.

Per informazioni su come modificare le impostazioni dei cookies seleziona qui sotto il browser che stai utilizzando:

SKI_KRONO_VARMOST_11
Anche l’ultima luce del giorno se né andata portandosi appresso il rosso dei tramonti che nel motto antico prelude al bel tempo.

Ed ora, ad una ad una si accendono le stelle, esse navigano fra le montagne: sommità bianche di neve che come immensi iceberg, in questa fosca seconda  notte di novilunio, rollano sul mare scuro di abeti. Solo Lucifero (Venere) rischiara un poco.

Il salone delle feste è però illuminato a giorno, i passeggeri muovono frenetici,  musica, voci, danze caotiche  di luci, sarcastiche ilarità (leggi “monate”) per stemperare la tensione che precede l’attraversata “Pursiil-Varmost”.

Si scaldano i muscoli, ma l’alieno che osserva, giudica quel trambusto una saga di lucciole impazzite.

Il cronometro toglie l’ancora e il bastimento va, scivola tranquillo senza indugio lungo la rotta da otto anni conosciuta, tuttavia un ostacolo, (imprevedibile?) subdolo si insinua lungo il percorso.

Dove più cabra il tracciato, un pellicola di ghiaccio avviluppa l’impronta crespa lasciata dal battipista, le pelli perdono la presa e  mentre i bicipiti s’arroventano nel travaglio per una trattenuta improbabile, si prospetta la metafora del lungometraggio “Titanic”.

Dal ponte di prua già verticale e prossimo alla tragica conclusione, cascano

i passeggeri: li senti scivolare dietro, sfrecciano di lato, travolgono chi ancora si può salvare; li vedi barcollare davanti cercando equilibrio e baricentro a questo punto compromessi, e tu lì, duro, sfibrato, accorci il passo, riduci il ritmo,  resisti, cerchi di portarti fuori da possibili rovinose  traiettorie  sperando di  non   subire l’urto fatale.

Imprecazioni di disappunto, invettive irriverenti, scuse oramai inutili: niente da fare, stringere i denti e risalire la china, cercando di ricomporre in fretta  il passo e riguadagnare, aggiungendo sforzo allo sforzo, il terreno perduto.

Finalmente lo spezzone del transatlantico ricade e sul pendio venturo che tende al piano questa volta tutti si salvano, anzi, l’inconveniente subito giustificherà eventuali aspettative deluse.

Mario Cedolin

Ski Krono Varmost 2011