PERCORSO SKY-RACE DELLE DOLOMITI FRIULANE

PERCORSO SKY RACE DOLOMITI FOTO

 

DESCRIZIONE DEL PERCORSO:

 
NOVITA' 2018!
Le ultime edizioni sono state davvero faticose ed hanno messo a dura prova soprattutto i runners meno allenati. Sperando di fare cosa gradita, quest'anno l'organizzazione offre la possibilità di scegliere tra due percorsi, favorendo così anche chi non ama faticare troppo.
 
PERCORSO LUNGO: si sviliuppa sulla classica distanza di 20 Km. con un dislivello positivo di 1600m. attraverso tre forcelle, con tre salite e tre discese in mezzo alle Dolomiti Friulane più belle, quelle dei gruppi Monfalconi e Cridola.

PERCORSO CORTO: lunghezza di 15 km. con un dislivello positivo di 1000m. Anche il percorso corto consente il transito nelle suggestive "Busas di Giâf" al cospetto delle più belle Dolomiti Friulane: Monfalconi e Gruppo del Cridola.
 

 

ALTIMETRIA SKY-RACE DELLE DOLOMITI FRIULANE:

ALTIMETRIA SKY-RACE DOLOMITI FRIULANE

Per entrambi i percorsi (lungo e corto) la partenza e l'arrivo della gara si trovano in località "Santaviela" a quota 920 metri (nei pressi della partenza seggiove Varmost).

Il primo tratto di gara gira attorno al Dolomiti Adventure Park, attraversa il fiume Tagliamento e segue la pista di fondo per circa 2 km. Dopo qualche "sali scendi" di poco impegno, inizia la prima salita, la più lunga. Il primo tratto su pista forestale fino a quota 1160 m. (1° ristoro) e poi su sentiero tra ghiaioni e mughi (sentiero 367) fino alla forcella Lavinâl a quota 1972 metri. Qui è posizionato il TRAGUARDO VOLANTE che addegna il Trofeo EMK Group ai primi concorrenti maschile e femminile.  Sorpassata la grande croce in legno, dopo una breve discesa, i piedi godono di un tratto "vellutato" lungo la prateria alpina di Campuross situata a quota 1900 m.  Il tracciato passa nei pressi del "Cason di Campuross" ex ricovero dei pastori a quota 1945 m. Proseguendo nella marcia, un prato pianeggiante costellato di Nigritelle anticipa la discesa su ghiaione e sentiero verso casera Val Binon (2° ristoro) a quota 1780 m. 

Lasciati i pascoli della malga - bivacco, un lungo traverso panoramico offre scorci sulla Val Meluzzo, sulle cime di Monfalconi e, verso ovest, sulla Cima dei Preti. Dopo un tratto di "sali scendi", si affronta la salita che porta alla forcella Urtisiel a quota 1990 metri in uno scenario indescrivibile (bisogna vederlo!). Affacciarsi alla forcella Urtisiel provoca sempre una certa emozione in quanto la discesa verso la Valle di Giaf è molto ripida ma priva di pericoli. Il sentiero è tuttavia ben tracciato con comodi tornanti incavati nel ghiaione (attenzione a limitare la caduta di pietre, evitando di tagliare i tornantini del sentiero). Abbandonato il ghiaione dopo un breve traverso tra i mughi, raggiunta la quota di 1580 (3° Ristoro) invece di scendere lungo i famosi gradini, si sale di nuovo.

Si imbocca quindi il sentiero panoramico "Anèl di Bianchi" (sentiero 354) , all'inizio ripido e poi con tratti di "sali scendi" ed un breve tratto attrezzato con funi (presente personale del Soccorso Alpino per aiutare i concorrenti). Appena raggiunta la forcelletta panoramica di  1726 m, davanti agli occhi dei concorrenti si spalanca la valle di Giaf con una vista straordinaria sulle vicinissime pareti dei Monfalconi di Forni e del Cridola.

La corsa prosegue in direzione dell'imponente forcella Scodavacca (o forcella Giaf), simbolo delle Dolomiti Friulane della provincia di Udine, lungo un tratto in leggera salita. Raggiunta la congiunzione con il sentiero 346, sotto la Torre Berti a quota 1850, si scende sempre per il sentiero 346 fino al rifugio Giaf.

Raggiunto il rifugio Giaf (4° ristoro) la discesa prosegue lungo la "scorciatoia" che costeggia il torrente Giaf, l'ultimo tratto prima di raggiungere il fondovalle è pavimentata in pietra e asfalto fino al bivio di collegamento con la pista di MTB (5° ristoro) che, con un lungo tratto pianeggiante (circa 3 km), porta al meritato traguardo in località Santaviela (stesso luogo della partenza - 6° ed ultimo ristoro).

IL PERCORSO CORTO coincide con quello lungo fino al primo ristoro (Macarins), da qui devia lungo una pista forestale che porta al rifugio Giaf (m. 1400). Dai pressi del rifugio la salita si inerpica lungo un sentiero gradinato per raggiungere la quota di 1590m del ristoro numero 3 (Bivio scalini). Il resto del percorso ricalca quello del giro lungo, fino al traguardo. La lunghezza è di circa 15 km, con un dislivello positivo di 1000 metri.

Clicca sulla mappa per ingrandirla.

MAPPA SKY-RACE DOLOMITI FRIULANE

 

TRACCIATI GPS

Tracciato gara formato GPX percorso lungo:  download

 


VIDEO: IL PERCORSO IN 2 MINUTI...

 


 Mappa logistica

MAPPA LOGISTICA SKY-RACE DOLOMITI FRIULANE

 


COME ARRIVARE A FORNI DI SOPRA

 MAPPA LOGISTICA SKY-RACE DOLOMITI FRIULANE

 

{phocagallery view=category|categoryid=38|